Pasticceria Atena | Tipicità mantovane
15776
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15776,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Anello di Monaco

Due le storie che narrano le origini di questo dolce
Una lo vuole legato alla comunità di monaci Benedettini, il frate
cuoco, nell’intento di variare il dolce casereccio, avrebbe dato sfogo ad una pasta lievitata, arricchita da un ripieno molto saporito con nocciole e mandorle tritate.
La seconda, più rispondente con note di cronaca e dati, parla dell’arrivo a Mantova nel 1798, di uno svizzero di lingua tedesca, Adolf Putscher, che apre bottega di pasticceria in piazza del Purgo (oggi Marconi). La pasticceria mantovana di oggi è, per gran parte, nata dalla bravura del Putscher che propose tra i tanti dolci, anche l’anello di Monaco con il suo saporito ripieno.

I Filos

Sapori di un tempo passato, l’impasto povero fatto con il fioretto di mais e il poco che c’era a disposizione nelle cucine di casa: qualche frutto secco, le caramelle di menta dura, il cioccolato fondente.

Raccontano uno spaccato di vita delle nostre campagne quello dei Filòs serali, quando ci si trovava nelle stalle alla fine della giornata e si passava un po’ di tempo insieme.

Elvetia

Anche l’Elvezia deve il suo arrivo a Mantova a Putscher.

Un dolce dai gusti decisi,che vive del contrasto tra il biscotto alle mandorle e la cremosità dello zabaione e della ganache al gianduia.

Dolce delle rose

Da non confondere con la classica torta delle rose.

Dolce di pasta levitata sfogliata, una volta cotto vien immerso nel rosolio all’arancia

Sbrisolona

Ormai emblema mantovano , nasce nelle corti rurali, quando c’era veramente poco da mettere in tavola,

e anche il dolce povero era una festa. Impastata con farina di mais, farina bianca, un po’ di strutto, uova , zucchero e qualche mandorla a decorare.

Con il tempo la ricetta si è evoluta e pur mantenendo la sua semplicità ci regala un dolce fragrante e “sbrisoloso”.

Noi la proponiamo nella versione classica o alla vecchia maniera con farina “tutto il grano” macinata a pietra e le nocciole.

Torta Greca

Le origini di questa torta sono ancora incerte, alcune versioni vedono nella Greca l’evoluzione di un dolce della cucina ebraica. Un dolce semplice, soffice e dal gusto intenso di mandorla, custodito da un involucro di pasta sfoglia.

I Sospiri di Giulia

La rivisitazione di una ricetta rinascimentale dedicata a Giulia Gonzaga, la donna più bella del Rinascimento, nel cinquecentenario della sua nascita. Un morbido pasticcino alle mandorle con un cuore di composta di frutta

Le Perle del Duca e il Ducatone

Una nostra originale creazione per rendere omaggio a Vespasiano e alle sue moglie. Una selezione di praline ispirata ai sapori delle terre di origine delle mogli di Vespasiano Gonzaga fondatore di Sabbioneta: profumo di agrumi, albicocche speziate, mallo di noce

Mostarda mantovana